“ Be the Change that you want to see in the world. ” ...is by Mahatma Gandhi...

28 dicembre 2008

Il Potere dei Marma

Punti Marma

Tutti conosciamo i grandi avanzamenti fatti nella medicina moderna soprattutto negli anni recenti e’ iniziata una nuova era nella storia della medicina. Ma in alcune zone del Mondo: India, Cina, Giappone e Srilanka i metodi della vecchia medicina continuano ad essere sempre usati e sentiti in maniera forte, hanno perfezionato le loro vecchie tecniche ottenendo ottimi risultati per diverse patologie. 


Queste medicine alternative usano metodi speciali, ancora sconosciuti alla medicina moderna. Negli ultimi decenni l’antica medicina Indiana l’Ayurveda e’ diventata popolarie in diversi paesi nel Mondo, proprio perche’ e’ in grado di curare alcune malattie che ancora la medicina moderna sta’ studiando. 

Anziani indiani, medici Ayurvedici, hanno localizzato 107 aree anatomicamente vulnerabili sulla superficie del corpo chiamati marma o prana. I Doshas viziati o un trauma fisico infliggono su questi marma, il prana si blocca o viene disturbato producendo disturbi, malattie fino ad arrivare alla morte.




Nella localizzazione dei punti marma sono presenti anche le 5 anatomiche strutture: muscoli, vasi sangugni, legamenti, nervi, ossa e articolazioni, ma non e’ necessario che le strutture siano sempre presenti tutte insieme. Non tutti i Marma sono localizzati in superficie.

MARMA PESENTI NEL CORPO
  • 44 punti tra braccia e gambe
  • 3 punti nell’addome
  • 9 punti nel torace
  • 14 punti tra schiena e spalle
  • 37 punti tra collo e testa


Ci sono alcuni trattamenti come l’Agopuntura e Agopressione che sono basati su alcune linee immaginarie nel corpo chiamate Meridiani, in Ayurveda si sono scoperti dei punti vulnerabili sulla superficie del corpo chiamati: Marma. 
Questi Marma hanno una localizzazione simile a quella dell’Agopuntura. Sono le sedi dell’energia vitale detta Prana. 
Nella medicina moderna hanno riconosciuto il valore di certi punti anatomici, altamente importanti dal punto di vista anatomico e fisiologico


GUARIRE CON LA TERAPIA DEI MARMA


Pur essendo ben documentata nell'Ayurveda, l'esistenza dell'energia pranica come forza biologica è ancora 
scarsamente compresa in Occidente.






Il Prana, l'energia positiva di Vata Dosha, è la fonte primaria della salute fisica ed energetica.


La medicina ayurvedica offre un meraviglioso sistema terapeutico che permette di lavorare direttamente con questo principio bio-energetico: La Terapia dei Marma.


La Terapia dei Marma completa e sostiene tutte le terapie ayurvediche migliorandone l'effica e la capacità di risvegliare il potere di guarigione del corpo.



Tre esperti a livello mondiale nel campo dell'Ayurveda presentano un testo inedito, primo esempio di un nuovo, rivoluzionario approccio alla guarigione olistica, che integra, con risultati sorprendenti, due millenarie discipline indiane del benessere: Yoga e Ayurveda.



Alla base di questa tecnica troviamo i Marma, particolari punti energetici classificati dalla medicina ayurvedica, collegati ai Chakra e alle Nadi (i Centri e i Canali di energia sottile descritti nei testi dello Yoga).



Per la prima volta in Occidente, vengono descritti minuziosamente i 107 punti Marma più importanti, la loro collocazione, le loro proprietà, i metodi per utilizzarli efficacemente e curare così gli organi ad essi collegati con molteplici approcci terapeutici.



Imparando a manipolare correttamente il potere dei punti Marma, possiamo equilibrare il corpo e la mente e dirigere il nostro Prana, l'energia vitale, in modo da favorire la salute, il benessere e la trasformazione personale.



Dr. David Frawley, Dr. Subhash Ranade, Dr. Avinash Lele: GUARIRE CON LA TERAPIA DEI MARMA. Ed. Il Punto d'Incontro.


I CINQUE PRANA


Nello yoga, il concetto di prana è molto scientifico. Quando parliamo di prana, non intendiamo il respiro, l’aria o l’ossigeno.

Parlando con esattezza e scientificamente, prana significa forza vitale originaria. Prana è una parola sanscrita composta dalle sillabe “pra” e “na”.

Na significa “movimento” e pra è un prefisso che significa “costante”: Perciò, prana significa “movimento costante”.
Questo movimento costante comincia non appena siamo concepito nel grembo di nostra madre.
Nel corpo fisico abbiamo due tipi di energia. Una è conosciuta come prana shakti e l’altra come manas shakti o chitta shakti .

Prana shakti rappresenta l’energia vitale o dinamismo, mentre mansa shakti rappresenta l’energia mentale.. Questo significa che in organo del corpo vi sono due canali che forniscono energia.

La fisiologia moderna descrive due tipi di sistema nervoso, un sistema sensoriale o cognitivo e un sistema motorio, oltre al sistema simpatico e parasimpatico.

Questi due sistemi sono interponessi in ogni organo del corpo. Allo stesso modo, ogni organo è alimentato con energia mentale e pranica.

Secondo lo yoga, il corpo pranico, che comprende il prana individuale e la rete di nadi che trasporta questo prana, è diviso in cinque aree principali o sub-prana.

Questi sono conosciuti come i pancha prana: prana, apana, samana, udana e vyana.

Questi cinque prana agiscono in relazione ai cinque chakra inferiori e alle varie nadi. Non dovrebbero essere intesi come manifestazioni separate del prana ma come diverse funzioni o aree di funzione dell’unico prana o mahaprana.

  • Prana: non è quello globale, ma appartiene ad una specifica parte del corpo situata tra le laringe e il diaframma; controlla il funzionamento di cuore e polmoni e tutte le attività della regione toracica come respirazione, deglutizione e circolazione del sangue. Questa manifestazione di prana è sperimentata in forma di particelle luminose che si muovono verso l’alto.
  • Apana: è localizzato nella regione pelvica tra l’ombelico e il perineo. Apana controlla le funzioni di reni, vescica, intestini e degli organi escretori e riproduttivi. E’ responsabile dell’espulsione di gas, aria, feci, urine e del feto al momento della nascita. Apana è sperimentato in forma di particelle luminose verso il basso.
  • Samana: il termine samana deriva dalla parola saman che significa “eguale” o “equilibrato”. Samana è situato tra l’ombelico e il diaframma, tra le due forze opposte di prana e apana e perciò, in un certo modo, agisce come equilibratore o equalizzatore per queste forze. 
  • Samana attiva e controlla gli organi digestivi e le loro secrezioni ed è responsabile della digestione e dell’assimilazione. Samana è sperimentato come un movimento laterale di luce, come l’oscillazione di un pendolo che si muove velocemente da destra a sinistra e da sinistra a destra.
  • Udana: questo prana è localizzato nelle estremità: le braccia, le gambe e la testa. Udana è responsabile di tutti gli organi sensoriali e degli organi di azione e controlla il sistema nervoso simpatico e parasimpatico. E’ sperimentato come un flusso circolare di luce che si muove verso il basso nelle braccia e nelle gambe e verso l’alto attraverso la testa.
  • Vyana: questa forza vitale pervade tutto il corpo, agisce come riserva di energia, sostiene tutti gli altri prana che richiedono un aiuto supplementare, regola e coordina tutti i movimenti muscolari e gli altri prana.

Insieme ai cinque prana principali ve ne sono altri cinque minori chiamati upa prana:


Naga è responsabile per eruttazione e singhiozzo, kurma apre gli occhi, krikara induce fame e sete, devadatta è responsabile per gli sbadigli, dhananjaya è responsabile della decomposizione del corpo dopo la morte.


1) Prana: non è quello globale, ma appartiene ad una specifica parte del corpo situata tra le laringe e il diaframma; controlla il funzionamento di cuore e polmoni e tutte le attività della regione toracica come respirazione, deglutizione e circolazione del sangue. Questa manifestazione di prana è sperimentata in forma di particelle luminose che si muovono verso l’alto.
2) Apana: è localizzato nella regione pelvica tra l’ombelico e il perineo. Apana controlla le funzioni di reni, vescica, intestini e degli organi escretori e riproduttivi. E’ responsabile dell’espulsione di gas, aria, feci, urine e del feto al momento della nascita. Apana è sperimentato in forma di particelle luminose verso il basso.
3) Samana: il termine samana deriva dalla parola saman che significa “eguale” o “equilibrato”. Samana è situato tra l’ombelico e il diaframma, tra le due forze opposte di prana e apana e perciò, in un certo modo, agisce come equilibratore o equalizzatore per queste forze. Samana attiva e controlla gli organi digestivi e le loro secrezioni ed è responsabile della digestione e dell’assimilazione. Samana è sperimentato come un movimento laterale di luce, come l’oscillazione di un pendolo che si muove velocemente da destra a sinistra e da sinistra a destra.
4) Udana: questo prana è localizzato nelle estremità: le braccia, le gambe e la testa. Udana è responsabile di tutti gli organi sensoriali e degli organi di azione e controlla il sistema nervoso simpatico e parasimpatico. E’ sperimentato come un flusso circolare di luce che si muove verso il basso nelle braccia e nelle gambe e verso l’alto attraverso la testa.
5)Vyana: questa forza vitale pervade tutto il corpo, agisce come riserva di energia, sostiene tutti gli altri prana che richiedono un aiuto supplementare, regola e coordina tutti i movimenti muscolari e gli altri prana.

Tabella dei Marma, Significato e Processo

Punto Marma
Significato
Posizione
Controlla
ADHIPATI
Signore supremo
Sommità
del capo
Ghiandola pineale
o epifisi

Vitalità
Lubrificazione
 del cervello

Facoltà di pensiero

Governa tutto il corpo attraverso 
mente e cervello
ANI 
braccio
coscia
Punta di un ago
Regione inferiore
del braccio 
(2 anguli sopra
il gomito) 
o della coscia
Metabolismo
 dell'acqua

Pancreas e Reni
Circolazione dei
fluidi corporei 
verso il basso/coscia
ANSA
Spalla
Spalla
Cervello
Metabolismo
 della pelle
Movimento dell'aria
vitale 
verso l'alto
ANSA 
PHALAKA
Scapola
Scapola
Sistema respiratorio

Lubrificazione
 articolazioni
Movimento dell'energia dall'esterno 
verso l'interno

Movimento dell'energia 
verso la periferia
APALAPA
Non custodito
Sotto e al centro 
della clavicola 
verso ascella
Sistema nervoso

Particolarmenet
 il flusso nervoso 
verso le braccia
Circolazione periferica 
verso le braccia,
Vyana Vayu
APANGA
Guardare lontano
Angolo esterno 
delle sopracciglia
Organo di senso
della vista

Funzioni Visive
Percezione
 della conoscenza
APASTAMBHA
Ciò che si pone a lato
A lato dello sterno, 
sotto i capezzoli all'altezza della
terza costola
Succhi digestivi
prodotti
da Kapha, 
Kledaka Kapha

Tessuti
Canali ossei



Adipe
AVARTA
Calamità a causa della sua sensibilità
Il punto situato
al centro 
del sopracciglio
Vata in generale

Aria vitale (prana)
Senso della vista

Postura corporea
BRIHATI 
o VRIHATI
Ampio o grande
La regione superiore 
più estesa
 della schiena
Canale della
 sudorazione

Plasma
Sistema linfatico

Movimento dell'energia 
verso la periferia
GUDA
Ano
Ano e zona
 circostante
Primo chakra

Movimento
 dell'energia 
verso il basso,
Apana Vayu
Canali del sistema e
scretorio,  urinario

Riproduttivo e mestruale, 
testicoli e ovaie

Collegato alla sede
di accumulo 
di Vata nell'intestino crasso
GULPHA
Articolazione della caviglia
Articolazione della caviglia
Grasso, Ossa

Sistema riproduttivo
Circolazione

Lubrificazione
 delle articolazioni

Movimento del piede
HRIDAYAM
Cuore
In mezzo allo sterno
 in corrispondenza
del cuore
Sistema circolatorio,
Facoltà di pensiero, 
Sadhaka Pitta

Vitalità e circolazione i
n generale, 
Prana e Vyana Vayu, 

Forza e sistema i
mmunitario, Ojas
Lubrificazione
 del cervello, 
del cuore e dei polmoni, 

Tarpaka 
e Avalambaka Kapha

Aiuta il flusso del latte materno

Governa le forme sottili
di Agni
INDRAVASTI avambraccio
polpaccio
Freccia di indra
A metà
 dell'avambraccio/
Al centro
del polpaccio
Sistema digerente,
succhi digestivi, 
Pachaka Pitta

Fuoco digestivo, Agni
Assimilazione
 del cibo, 
Samana Vayu

Intestino tenue

Ha un effetto anche
sul plasma
JANU
Articolazione del ginocchio
Articolazione
 del ginocchio
Lubrificazione
 delle articolazioni

Circolazione
 nelle gambe 
su Ginocchio dx 
fegato e formazione
del sangue Ginocchio
sx milza pancreas
Metabolismo
 dell'acqua
KAKSHADHARA
Ciò che sostiene il fianco
Parte alta dell'articolazione
della spalla
Sistema muscolare

Spalle
Postura del corpo

Circolazione periferica, 
Vyana Vayu
KATIKATARUNA
Ciò che sorge dall'anca
Articolazione
 dell'anca
Ossa e Sistema
scheletrico

Lubrificazione
 delle articolazioni
Ghiandole sudoripare


Allevia Vata
KRIKATIKA
Articolazione del collo
Articolazione
 del collo
Postura corporea

Circolazione verso
la testa e Lubrificazione
del cervello
Movimento
 dell'aria vitale 
verso l'alto

Controlla la posizione eretta 
della schiena e del collo

Mente subconscia
KSHIPRAM
Offre veloci risultati
Estremità inferiore
di alluce 
o pollice
Sistema linfatico

Sistema respiratorio
Lubrificazione
 del cuore e dei polmoni, 
Avalambaka Kapha

Cuore e polmoni nell'insieme
KUKUNDARA
Ciò che determina i fianchi
Sull'articolazione dell'anca, 
tra trocantere e protuberanza
 ischiale
Sistema circolatorio

Formazione del sangue
Sistema mestruale

Movimento dell'energia 
verso il basso

Respirazione e circolazione, 
Prana e Vyana Vayu
KURUCHCHA (KURCHA)
Un nodo
Sotto le articolazione
di alluce e melluce
Vista

Acutezza dei sensi
in genere
Inspirazione,
 Espirazione

Deglutizione

Nella mano: energia
vitale e nervosa, 
Prana Vayu. 
Un punto importante 
per il prana e vata
KURCHASIRA 
mano
La testa di kurcha
La base del pollice, articolazione fra
carpo e metacarpo
Vista, Alochaka Pitta

Fuoco digestivo
(Agni)
Subdhosa di Vata,
Pitta e Kapha
che governano
la digestione,
Pachaka Pitta,
Kledaka Kapha, 

Samana Vayu
Influenza la testa,
 il sistema nervoso 
e la mente calmando Vata

Un punto importante per Agni 
in tutte le sue forme sottili e grossolane
KURCHASIRA 
piede
La testa
di kurcha
Al centro tallone
Sistema muscolare

I muscoli del piede
Postura

Fuoco digestivo (Agni)
KURPARA
Articolazione
del gomito
Articolazione
 del gomito
Sangue e Sistema c
ircolatorio

Assimilazione
 del cibo, 
Samana Vayu
Parte corpuscolare
del sangue 
e della bile,
 Ranjaka Pitta

Metabolismo dell'acqua, 
Udaka Vaha Srota

Gomito dx: fegato
e Ranjaka Pitta 
Gomito sx: milza
e Udaka Vaha Srota
LOHITAKSHA
Dagli occhi rossi
Al centro dell'ascella/Inguine
Linfa e sistema linfatico

Sangue
Movimento
 dell'energia 
verso la periferia
Movimento dell'energia 
verso il basso

Circolazione periferica, 
Vyana Vayu 
particolarmente
 nelle braccia
MANIBANDHA
Braccialetto
Articolazione
 del polso
Sistema scheletrico

Movimento delle mani
Lubrificazione
 delle articolazioni, 
Sleshaka Kapha

Circolazione periferica, 
Vyana Vayu
MANYA DHAMNI
Onore
Sotto osso
 mandibolare
Plasma sangue
 e sistema circolatorio

Lubrificazione
 della bocca 
e senso del gusto
Movimento
 dell'aria vitale 
verso l'alto
Un marma importante 
per Kapha

Connesso alla lingua
e alla salivazione,
controlla la voce
NABHI
Ombelico
Ombelico
Terzo chakra, Pitta Dhosa

Sistema digestivo 
e circolazone sangue
Fuoco digestivo,
Agni

Succhi gastrici,
Pachaka Pitta, 
Samana Vayu

Parte corpuscolare del sangue, 
Ranjaka Pitta
NILA
Blu scuro
Parte bassa
 del collo 
a lato della
 trachea
giugulare
Metabolismo della pelle

Movimento dell'aria
vitale verso l'alto
Il linguaggio

La tiroide

La circolazione
verso il cervello
NITAMBA
Natica
Parte superiore 
della natica
Plasma e sistema linfatico

Grasso corporeo
Punto Importante 
per Kapha

Sistema scheletrico

Sistema urinario, reni
PARSHVASANDHI
Il fianco
della ciotola
Porzione s
uperiore
dell'anca
Secondo chakra

Ghiandole surrenali
Ovaie

Canali del sistema digestivo

Canali del sistema
escretorio e respiratorio
PHANA
Il cappuccio
di un serpente
A lato
delle narici
Aria vitale

Organo dell'odorato
Kapha presente
nella testa

Passaggi nasali
e cavità paranasali
SHANKHA
Conchiglia
Tempie
Organo di senso
del tatto

Movimento
 dell'energia 
verso il basso
Vata del colon
SHRINGATAKA
Luogo d'incontro
tra 4 strade
Palato
Circolazione
 dell'aria vitale

Difese immunitarie
Lubrificazione
 del cervello, 
della lingua
 e senso del gusto

Sensi dell'udito,
vista e odorato
SIRA MATRIKA
Madre dei vasi sanguigni
Parte media
del collo
carotide
Flusso sanguigno
dal cuore 
alla testa

Movimento
 dell'aria vitale 
verso l'alto
Sistema nervoso
STANMULA
Radice del seno
Sotto i capezzoli, 
alla radice del seno
Sistema muscolare, particolarmente 
nella regione
 del petto

Pressione sanguigna
Lubrificazione
 del cuore 
e dei polmoni,
Avalambaka Kapha

Energia e circolazione,
Prana 
e Vyana Vayu

Lattazione
STANROHITA
Porzione superiore del seno
Regione superiore 
del petto
Sistema muscolare

Sistema nervoso
Energia e circolazione, 
Prana e Vyana Vayu
Polmoni

Favorisce il flusso
del latte materno
STHAPANI
Ciò che sostiene o fissa
Tra gli occhi
Sesto chakra ajna

Aria vitale
Mente, Sensi

pofisi
TALHRIDAYA
Centro della superficie
Al centro
 della mano 
o del piede
Sistema respiratorio

Metabolismo
 della pelle, 
Bhrajaka Pitta
Lubrificazione
 di cuore e polmoni,
Avalambaka Kapha

La circolazione nella parte
alta del corpo, 
Vyana Vayu, mano. 
La circolazione nella parte
bassa 
del corpo(sotto ombelico),
piede

La mano/Il piede, in quanto 
organo di moto
UTKSHEPA
Ciò che si estende verso l'alto
Sopra le orecchie
Movimento
 del'energia 
verso il basso

Colon
Organo di senso
dell'olfatto

Punto importante
per Vata e la mente
URVI 
braccio
coscia
Ciò che è ampio
In mezzo
al braccio 
o coscia
Plasma (braccio)

Circolazione
 periferica, 
Vyana Vayu -
 Governa la crescita
dei tessuti (braccio)
Metabolismo
 dell'acqua 
(braccio/coscia)

Linfa (coscia)

Kapha dosha,elemento
acqua 
presente in tutto il corpo
(coscia)
VASTIH
Vescica
In corrispondenza 
della vescica
Sistema muscolare
e grasso corporeo

Khapa
Sistema urinario
e riproduttivo

Collegato alla sede
di accumulo di Vata
nell'intestino crasso
Apana Vayu
VIDHURAM
Angoscia
Dietro punta
 mascella
Organo di senso
 dell'udito

Inspirazione
Deglutizione
VITAPAM
Ciò che è caldo o dolente
Dove le gambe 
si connettono
 al tronco
Sistema riproduttivo
Movimento
 dell'energia 
verso il basso