“ Be the Change that you want to see in the world. ” ...is by Mahatma Gandhi...

15 febbraio 2010

Ervin Laszlo: Nuova Coscienza







Il grande compito, la grande sfida del nostro tempo è cambiare se stessi.

Ervin Laszlo, filosofo della scienza e della nuova coscienza planetaria. Laureato alla Sorbona, è uno dei massimi esponenti internazionali della filosofia dei sistemi e della teoria generale dell'evoluzione. Nasce a Budapest nel 1932.

Ha insegnato alla Yale University e in numerose altre Università Statunitensi, Europee e Asiatiche. Ha lavorato alle Nazioni Unite come direttore di ricerche sociali internazionali. E' stato consulente scientifico dell'UNESCO. E' membro del Club di Roma, dell'Accademia Internazionale delle Scienze.

E' stato Rettore dell'Accademia di Vienna. Fondatore del Club di Budapest International, che vanta tra i suoi membri onorari otto Premi Nobel per la Pace e sedi in 19 Paesi del mondo. E' autore di più di 70 libri tradotti in 12 lingue.

Vorrei fare un elenco di sette caratteristiche della nuova visione, della nuova coscienza, perché è possibile acquisirla, tutti possono evolvere, tante persone l'hanno già ed è diventata una conditio sine qua non della nostra sopravvivenza sulla Terra.
1. La prima caratteristica è l'olismo, la visione olistica, per contrastare la visione frammentaria, disciplinaria, atomistica, che separa tutto: la mente dalla natura, l'uomo e la società dalla biosfera, e tutti i campi della realtà l'uno dall'altro. La visione olistica è proprio quella comprensione unitaria che si sta sperimentando nei vari centri per la coscienza planetaria intorno al mondo, ed è una caratteristica fondamentale della nuova coscienza.

2. La seconda è il pensiero trasversale, globale, tra i due emisferi e tra i tre cervelli: non pensare sempre con l'emisfero sinistro razionale, o essere dipendenti solo dall'emisfero destro, quello più creativo e mistico e meno orientato all'uso della lingua. Bisogna avere la possibilità di muoversi, in modo armonico e fluido, tra l'uno e l'altro, utilizzare l'interezza delle nostre potenzialità. Questa è la base della vera creatività.

3. Terzo è la valorizzazione della comunicazione, non solamente possedere delle conoscenze, ma comunicarle. Comunicare è sicuramente la legge della vita e di tutta l'evoluzione. Questa possibilità di valorizzazione del comunicare, di condividere le esperienze, le idee è una caratteristica della nuova coscienza.

4. Quarto, lo stile di vita semplice. C'è un nuovo movimento verso la semplicità - non di chi è dominato da un movente economico, "siamo troppo poveri per non essere semplici" - ma la semplicità volontaria, scegliere di vivere in maniera più semplice e naturale, senza tutto questo eccesso attorno a noi nella civiltà occidentale. Questo è un movimento per il consumo responsabile, ecologico, etico molto rapido e forte nei Paesi cosiddetti industriali, e speriamo che dia una spinta di sviluppo anche negli altri Paesi.

5. Il quinto è la spiritualità, il rinascimento della nuova spiritualità. E' molto interessante, molti maestri, saggi e lama possono fare da guida. Questa spiritualità viene dall'antichità, ha migliaia di anni, e non localizza la divinità fuori dalla natura e dall'uomo, ma dentro: tutto è divino e siamo tutti collegati attraverso questa divinità. Anche questo è un movimento in crescita ed è una grande speranza per il futuro.
6. Sesto è riscoprire la salute globale, individuale, il movimento verso i cibi naturali, l'ecologia, l'ambiente sano, l'unità dell'uomo con il suo ambiente per ritrovare la salute in un senso molto complesso e olistico, non soltanto come assenza di malattia, così come la pace non è solo l'assenza della guerra ma una totalità, un funzionamento del sistema al suo livello ottimale.
7. Settimo è la coscienza planetaria. Imparare a sentirsi parte del sistema Terra, passare da una vita locale ed egocentrica ad una visione globale, planetaria. E' importante comprendere la bellezza e la complessità della rete ecosistemica e umana che forma l'intero pianeta, Gaia. Le sue leggi, le sue difficoltà, gli ostacoli al suo sviluppo armonico. Allargare il nostro punto di vista, usare la tolleranza, l'etica per superare ingiustizie e fanatismi, per un futuro planetario umano e sostenibile.


Concludendo, penso che tutte le attività pratiche e culturali che avvengono nei centri per la coscienza planetaria sparsi in tutto il mondo, esprimano la nuova coscienza. E' importante perché la nuova coscienza si sviluppa attraverso la sperimentazione, sperimentare come vivere in questo modo, non solo pensarci in modo astratto, ma viverci dentro.

L’estate e l’inverno scompariranno?
di Elisabeth A. Debold

Quante volte sentiamo parlare di clima, surriscaldamento globale, stagioni repentine che non si scambiano più con dolce gradualità. Tutto questo come se il clima fosse cosa esterna alla vita, al nostro essere nella vita, come se fosse là fuori, creatura o mostro, benevolo o vendicativo.

Ecco un' intervista al noto ricercatore Ervin Laszlo, ancora più che attuale. Sul prossimo numero di scienza e conoscenza (23) potrete approfondire la vastità di ricerca di questo personaggio grazie ad un suo articolo su un fenomeno affascinante e inesplorato legato alla non località temporale

Per il mondo del futuro Ervin Laszlo sarà l’uomo del Rinascimento.

Se questa vi sembra un’affermazione priva di logica, valutate quanto segue: Laszlo ha iniziato la sua carriera come pianista; successivamente è diventato il principale sostenitore della filosofia dei sistemi; è andato oltre Darwin elaborando la teoria generale dell’evoluzione; ha teorizzato il “quinto campo fisico”, a dimostrazione dell’esistenza di una dimensione assoluta al di là del tempo e dello spazio; ha insegnato in varie università in America, Europa e Asia; e adesso si fa portavoce della sostenibilità globale.

Che cosa lo ha portato dal palcoscenico al laboratorio, in tutto il mondo e attraverso le più diverse discipline? L’interesse, nient’altro che il puro interesse. “Mi interessano i problemi, i rompicapo, mi interessano quelle che la scienza chiama anomalie,” afferma con grande concretezza. “Provo un reale interesse per le cose che non capisco.” E grazie all’incredibile portata del suo interesse, stiamo per risvegliarci per vedere l’intero cosmo in una nuova luce – come un sistema vivente di cui siamo parte integrante.

Nato in Ungheria tra le due guerre mondiali, Laszlo era un bambino prodigio – un brillante pianista la cui mente si librava mentre le mani scorrevano sopra i tasti. Quando finiva di suonare, correva alla sua macchina da scrivere per catturare le intuizioni e le domande che erano sorte in lui. Comprendendo alla fine che “non puoi essere un pianista di professione mentre la tua mente è impegnata con problemi scientifici e filosofici,” Laszlo ha detto addio alla musica per lanciarsi all’inseguimento della scienza.

E così è stato: da allora ha cacciato la scienza fuori dai laboratori e dai confortevoli circoli scientifici, perché le più recenti scoperte potessero aiutare a dare una risposta agli interrogativi fondamentali dell’esistenza.

Anni fa Laszlo ha fondato il prestigioso Club di Budapest, attorno al quale si sono riunite le più importanti menti nel campo dell’arte, della scienza, della religione e della cultura, al fine di elaborare una nuova etica per un mondo sostenibile.

Al termine di una ormai lontana lezione tenuta all’Università di Yale, WIE [la rivista What is Enlightenment? Ndr] ha avuto il privilegio di parlare con il dott. Laszlo della sua visione di un rivolgimento paradigmatico che potrebbe cambiare il futuro.


Elisabeth A. Debold per WIE: Lei ha scritto che ci troviamo in una fase di “macrorivolgimento” – nella quale i sistemi economici ed ecologici su questo pianeta attraverseranno una crisi, una trasformazione totale che porterà o a un totale disfacimento o a uno straordinario progresso. Qual è la sua visione di quanto sta accadendo? E quanto in fretta ritiene che tutto ciò si verificherà?

ERVIN LASZLO: Questo è quello che non sappiamo. È evidente che non è possibile che un numero sempre maggiore di persone continui ad utilizzare una quantità sempre maggiore di risorse, rendendo sempre più ineguale la distribuzione di queste risorse, senza che si sia raggiunto un punto di rottura. In questo preciso istante, ad esempio, lo scioglimento dei ghiacciai continentali, che è all’origine della deviazione della Corrente del Golfo, potrebbe, nel giro di alcuni anni, modificare il clima dell’Inghilterra rendendolo rigido come quello del Labrador, che si trova alla stessa latitudine.

La primavera e l’estate scomparirebbero. Il punto della questione è che noi viviamo su un pianeta in cui ogni cosa è circolare – tutto ciò che facciamo agli altri, o alla natura, alla fine tornerà a noi. Ma se è vero che è sempre stato così, è altrettanto vero che solo da un paio di secoli abbiamo iniziato a vedere le cose in quest’ottica. Un ulteriore fattore ha a che fare con il comportamento dei sistemi complessi: non cambiano in modo uniforme.
È impossibile dire, anche in linea teorica, quando un sistema complesso raggiungerà il suo limite – ci sono talmente tante retroazioni, talmente tanti meccanismi di auto-correzione all’opera. Ma se la sollecitazione continua ad aumentare, presto o tardi si giungerà sull’orlo del precipizio o a un punto di biforcazione, e tutto a un tratto il sistema semplicemente non sarà in grado di correggersi.

Ci limitiamo ad ignorare questo accumularsi di pressione nel sistema. Di conseguenza, siamo posti di fronte a una crisi “ecol-nomica” – ecologica ed economica al tempo stesso – con potenziali problemi catastrofici come cambiamenti climatici e aumento del livello del mare, che potrebbero minacciare la nostra sopravvivenza.
WIE: Si tratta di problemi di enorme portata e complessità, problemi che l’umanità non ha mai dovuto affrontare prima. È affascinante che lei, in quanto scienziato, non sia alla ricerca di soluzioni scientifiche, ma, al contrario, sia proiettato verso un cambiamento radicale del nostro modo di pensare. Che cos’è questo nuovo modo di pensare e in che modo potrà aiutarci?


LASZLO: Ha a che fare con una nuova visione del mondo, con nuovi valori adatti alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo su questo pianeta. L’aumento della spiritualità e l’aumento delle tecniche di meditazione, e il rapporto con la crescita interiore, fa tutto parte di questo fenomeno. E sta già accadendo, ma è un processo che deve essere accelerato.

E’ possibile arrivare a questa nuova visione del mondo attraverso mezzi razionali o intellettuali. È possibile arrivarci intuitivamente, attraverso l’arte, la spiritualità, o la religione. E ci si può arrivare attraverso la scienza. Se guardiamo agli sviluppi nel campo della scienza, scopriremo che la scienza sta diventando sempre più consapevole del fatto che tutto è strettamente connesso a tutto il resto.

Tutto ciò che esiste è un sistema aperto. Nulla è completamente chiuso o indipendente – tutto è connesso in maniera molto sensibile. Le implicazioni sono enormi ovunque si guardi. Così, ad esempio, noi non siamo soltanto ammassi di cellule, come un edificio è un ammasso di mattoni. Ancora più importante, il nostro tessuto vitale non è costituito di elementi dal nocciolo duro – atomi e molecole – è costituito di onde. 


Pertanto, noi siamo sistemi viventi che ricevono e trasmettono informazioni costantemente.
Questa trasmissione delle informazioni è più rapida di qualsiasi meccanismo biochimico concepibile, perché ciò che accade a una parte dell’organismo accade contemporaneamente all’altra parte. Vi è una costante interazione su dimensioni multiple. È una cosa notevole – andare ben oltre qualsiasi concetto tecnico, biologico, meccanicistico e materialistico dell’organismo.

Come affermano gran parte degli scritti spirituali: non siamo limitati a cinque aperture nella torre – intendendo che non ci limitiamo a vedere il mondo attraverso i cinque organi di senso. Per quanto mi riguarda, è assolutamente ovvio che la consapevolezza non è un sottoprodotto del cervello, fabbricato da un insieme complesso di neuroni.


È qualcosa che pervade l’intero universo. È lì in tutto il corpo, in tutti i sistemi viventi, probabilmente lungo tutto il percorso, giù fino al livello quantico. Viviamo in un universo che è esso stesso consapevole. E perciò, possiamo lasciare che il cielo entri dal tetto. La creatività porta a schiudersi – offre la possibilità di lasciare che il cielo entri dal tetto.

E in quel momento non saremo più soli. Ho vissuto momenti come questi durante i concerti quando ero un giovane musicista – la sensazione di essere parte di un universo più grande. Di essere unito a qualcosa più grande di te. Credo che queste cose ci daranno un nuovo paradigma di un universo che è connesso. Siamo molto più interconnessi l’uno all’altro e a tutti gli elementi di quanto potremmo mai immaginare.
Un amico che ammiro molto, Jonas Salk, ha detto che un nuovo paradigma nella scienza e nella società è come una risposta del sistema immunitario, perché ti permette di pensare a modi più adatti per fare fronte ai nuovi problemi.

Pertanto, se questo paradigma comincerà a penetrare nella società, ci sarà più solidarietà, più umanità e un rapporto migliore con la natura e tra gli esseri umani, perché riconosceremo quello che William James ha detto in The Varieties of Religious Experience [Le varie forme dell’esperienza religiosa- Morcelliana 1998] – che siamo separati in superficie ma connessi in profondità. O ciò che sanno i buddisti – che siamo connessi al cosmo. È anche ciò che intendeva Gesù quando disse “Amatevi come io vi ho amato perché voi siete una cosa sola.”

Tutti i grandi profeti lo hanno affermato. Ma noi abbiamo perso questa interconnessione, ammaliati dalla tecnologia, dall’economia e dal potere. Riconoscere il sottile elemento che connette la natura tutta e l’effetto che esso ha sulla nostra mente, la nostra consapevolezza, potrebbe aiutarci a divenire più umani – e, per inciso, aiutarci a sopravvivere alla crisi che ci troviamo oggi ad affrontare.

What Is Enlightenment?; Aug-Oct 2004. © 2004 What Is Enlightenment? Press. Per gentile concessionehttp://www.wie.org