“ Be the Change that you want to see in the world. ” ...is by Mahatma Gandhi...

12 febbraio 2017

NOMIND: Un percorso di osservazione

NOMIND è un percorso esperienziale guidato che si sviluppa in quattro tempi di osservazione consapevole della realtà.

Questo significa “porre attenzione in un modo particolare, intenzionalmente, nel momento presente e in modo non giudicante”. 



Si tratta di una pratica meta-cognitiva e meditativa, estrapolata da pratiche orientali ed adattata alla tradizione della psicoterapia cognitiva dopo una sessione di lavoro sul corpo che esiste sempre nel momento presente.

COSA È NOMIND

NOMIND  è una esperienza che riunisce il silenzio della pratica yogica ed una delle meditazioni più conosciute in questo ultimo decennio, utilizzata in particolare nella terapia dei disturbi d'ansia, dell'umore, del disturbo compulsivo, ed altro ancora come la ruminazione mentale.

La ruminazione mentale è una forma di pensiero ciclico molto difficile da interrompere e basato su una valutazione negativa di se stessi e di episodi passati. Si tratta di un meccanismo simile al rimuginio che ha un ruolo riconosciuto nella depressione e oggi sembra intervenire anche nel disturbo di personalità borderline.






MONKEY MIND

Spesso la vita di tutti i giorni porta in sé ansie e preoccupazioni e di conseguenza la mente è impegnata in un “chiacchiericcio” incessante. Può accadere di ritrovarsi imprigionati in un circolo vizioso di ruminazioni in cui si continuano a ripetere interiormente emozioni e ricordi indesiderati, e ricorrenti.

Così come un criceto intrappolato sulla ruota di un dolore emotivo che corre senza mai arrivare in nessun luogo, la ruminazione mentale non dà accesso a nessuna nuova visione delle risorse interne che possano trasformare le ferite psicologiche.

Gli orientali utilizzano il termine “monkey mind”, traducibile letteralmente in “mente di scimmia” per descrivere il carattere instabile, inquieto ed incontrollabile del logorio mentale.  

Con la pratica regolare si radica la mente nel momento presente, il qui ed ora, per ristabilire la chiarezza mentale e la calma, piuttosto che inserire il pilota automatico e farsi guidare da esperienze passate negative o dalle aspettative di un futuro ancora da realizzare. 

L’obiettivo è cambiare prospettiva, cambiare la formulazione del dialogo interiore


STRESS  & STANCHEZZA

Siamo abituati 'a correre' e affrontare mille impegni quotidiani. L'unica medicina è fare una pausa.

Solitamente siamo abituati a agire e pensare e sentire in modo automatico, utilizzando vecchi schemi strutturati nella nostra mente, che utilizziamo in modo passivo e inconsapevole.

Attraverso la pratica della NOMIND alleniamo la nostra Presenza Mentale, diventando mano a mano sempre più consapevoli dei pensieri che ci passano costantemente nella mente, imparando a dargli il giusto peso.

In questo modo diviene più facile osservarci ed imparare a riconoscere quegli automatismi che spesso, senza rendercene conto, ci fanno cadere nei circoli viziosi mentali, comportamentali ed emotivi, che procurano stress e che sono alla base di problematiche di ansia e depressione, insicurezza relazionale e bassa autostima. 

Significa essenzialmente consapevolezza, attenzione, presenza mentale. NOMIND aiuta a focalizzare la consapevolezza sulla esperienza presente, sulle sensazioni del corpo, le emozioni, i pensieri, la salute e le abitudini di vita.

NOMIND ci porta ad un livello di coscienza profondo, non-concettuale, non-discorsivo, non-linguistico, e che soprattutto “apre” alle intuizioni che portano alla comprensione profonda del funzionamento della mente stessa. NOMIND è una modalità dell’ essere il cui focus è il permettere al presente di essere così come è e di permettere a noi di essere, semplicemente, in questo presente continuo.

Così ristabiliremo l'equilibrio del Chakra dell Gola o Centro dell'Abbondanza. Vishudda, il quinto centro, è legato all’energia dell’etere e lo scopo evolutivo della sua attività è l’espressione creativa, l’abilità comunicativa e lo sviluppo dell’intuito.

Esso fonda l’identità Creativa.




VISHUDDA  


In questo centro energetico ha luogo la purificazione del mentale e l'armonizzazione di tutti gli opposti.

E’ il Chakra della comunicazione, della pace, dell’ascolto, il Chakra è il vortice attraverso il quale inaliamo il primo respiro ed esaliamo l’ultimo, il luogo in cui la Fisiologia interfaccia, traduce ed  interpreta la realtà, la Consapevolezza. E ‘ il centro che genera la capacità di esprimere l’amore che guida il nel quarto Chakra dove vivere Mahamudra trasformando la parola,  lasciando risalire in superficie ciò che si muove in profondità e lasciarlo andare.

“La visione del Mahamudra, la chiara luce, non può essere conseguita seguendo le esposizioni 
dogmatiche e le scritture, sia nel metodo exoterico (le regole di vita, gli insegnamenti etici, gli studi filosofici ) sia in quello esoterico (tantra e pranayama). 
Infatti la visione della chiara luce è ottenebrata dal dogmatismo.”

Tilopa  in un passaggio del 'Cantico del Mahamudra'

Il concetto Buddista di Mahamudra  in Sanscrito significa "il grande simbolo". In base al Buddismo tutti sono illuminati, consapevoli, coscienti, ma la maggior parte delle persone si comporta come se non sapesse di esserlo.

Mahamudra significa semplicemente che mentre aspetti di renderti conto di essere “cosciente” agisci come se già lo sapessi. Può essere difficile comportarsi da illuminati tutto il tempo, ma non è così difficile comportarsi da illuminati anche per un solo momento.

Esso consente di esprimere i propri sentimenti e di manifestare al mondo esterno il contenuto di tutti gli altri Chakra. Regola la comunicazione verbale e non verbale, è la sede del linguaggio e della comunicazione, ma anche dell’ascolto delle voci interiori ed esteriori. 

E’ attraverso il Chakra della gola che esprimiamo tutto ciò che è vivo in noi: il riso, il pianto, il piacere, il dolore, la sicurezza, la paura, l’amore, l’odio, l’indifferenza.

Comunicazione e parola sono il ponte tra noi e l’altro attraverso un dialogo aperto che può trasmettere i valori della società e della fiducia. 
Il quinto Chakra consente di esprimere e sviluppare le proprie capacità ed aprirci all’ascolto della guida interiore.


INFO

L'esperienza si sviluppa in quattro fasi per una durata di 90 minuti + condivisione 

Introduzione al percorso NOMIND

·         Primo stadio           45’      Il risveglio del corpo (Body/Mind)

·         Secondo stadio       15’       Risanamento della gola -  Visudda
·         Terzo stadio            15’       La strada verso il cuore - Anatha
·         Quarto stadio         15’       Ritorno alla Consapevolezza

·         Conclusione           30’       Condividere è un passaggio verso la crescita

Suggerimenti: Abiti comodi, mente libera, cuore aperto


CONDUTTORI 

Gordana Stojanovic 

Formatasi in Italia, pratica yoga da oltre 15 anni. Dal 2003 segue e propone gli insegnamenti dello Yogi Silente di Madras - Sri Sri Sri Satchidananda. Insegna regolarmente a Milano, in lingua italiana e in inglese. Pratica la meditazione Vipassana come insegnata da S.N. Goenka nella tradizione di Saygai U Ba Khin.

Sahaj Bez

Ha maturato una lunga esperienza professionale in psicologia della comunicazione quindi ha approfondito gli studi di Manas Vidya, la conoscenza della mente secondo l'Ayurveda, della filosofia Sāṃkhya e delle Sacre Scienze Vediche, sia in Italia che in India.

A Campopiano propone da molti anni incontri di Meditazione e Consapevolezza in accordo con gli insegnamenti ricevuti dagli amati maestri che ha incontrato.


Gli incontri NOMIND si tengono a Campopiano e su richiesta anche in contesto aziendale.

Per informazioni        sahaj.bez@gmail.com